La Scuola di Speleologia

La Società di Studi Carsici “A.F.Lindner” ha al suo interno una delle 11 Scuole di Speleologia della Regione FVG riconosciute dalla Commissione Scuole della Società Speleologia Italiana (S.S.I.).

FINALITA'

Gli scopi della Scuola di Speleologia sono quelli di promuovere e realizzare corsi di base e corsi locali di approfondimento (corsi di I° livello) e di curare la preparazione degli istruttori, al fine di diffondere e omogeneizzare le norme di sicurezza in grotta per garantire la prevenzione degli incidenti, nonché di diffondere le norme di rispetto ambientale (per la tutela delle grotte, delle aree carsiche e dell’ambiente in genere).

logo_scuola_sfondo_traspATTIVITA'

 La scuola è lo strumento didattico-organizzativo attraverso il quale il Gruppo speleologico cura l’effettuazione dei corsi di primo livello. I requisiti per una tale qualifica sono la qualità dell’attività didattica e la sua continuità nel tempo. La costituzione di una scuola avviene nel momento in cui essa organizza il suo primo corso di 1°livello, che per la Società Lindner è il 1986, anno della sua Fondazione. Fino ad oggi la Scuola ne ha realizzati ben 29, uno all’anno. I Corsi di Primo livello sono promossi allo scopo di introdurre gli allievi all’attività ed alla ricerca speleologica, condotte nel pieno rispetto dell’ambiente, attraverso una serie di lezioni teoriche e di esercitazioni pratiche in palestra e in grotta. L’addestramento tecnico è mirato all’insegnamento delle usuali manovre ed al corretto impiego dei fondamentali attrezzi impiegati per la progressione in grotta, privilegiando sicurezza, semplicità e autosufficienza. La scuola, oltre che curare la preparazione dei neofiti che si vogliono avvicinare alla speleologia, cura la preparazione tecnica e didattica dei propri Istruttori.

IL DIRETTORE DELLA SCUOLA E IL DIRETTORE DEL CORSO

Direttore della Scuola attualmente è Dario Miniussi. L’incarico è triennale. E’ il rappresentante della Scuola presso la Commissione Regionale Scuole di Speleologia. Cura i rapporti con le altre Scuole e con il Coordinatore Regionale C.N.S.S. La Scuola conferisce l’incarico di Direttore del Corso, valido per la sola durata di un singolo corso, a un elemento scelto tra gli IT, cui viene dato il compito di curarne la parte organizzativa e logistica, garantendo il rispetto della normativa vigente in materia di equipaggiamento personale e collettivo, di comportamento e di sicurezza, di rispetto dell’ambiente. Il Direttore del Corso è il responsabile del regolare svolgimento del Corso stesso.

ORGANICO

La scuola di Ronchi dispone di un organico formato da 13 elementi, di cui 9 con qualifica di Aiuto Istruttori (AI), 3 con qualifica di Istruttori di Tecnica (IT), 1 Istruttori di Speleologia (IS). Gli istruttori della scuola di Ronchi sono disponibili a prestare la propria attività nell’ambito dei Corsi organizzati da qualsiasi Scuola. I nominativi degli Istruttori qualificati sono inseriti nel Registro Regionale, annualmente aggiornato dal Coordinatore Regionale, e nel Registro Nazionale, curato dalla Commissione Nazionale Scuole di Speleologia (CNSS).

GLI ISTRUTTORI DI TECNICA

Gli Istruttori di Tecnica (IT) sono speleologi maggiorenni, iscritti alla Società Speleologica Italiana, abilitati a svolgere il loro incarico dopo aver superato uno stage di qualificazione; hanno quindi specifica e approfondita competenza nelle tecniche di progressione. Agli IT è demandato l’insegnamento delle tecniche di progressione e delle norme di sicurezza in grotta; collaborano con il Direttore del Corso. Ad essi sono richieste provata attitudine didattica, conoscenza approfondita delle tecniche di progressione, delle caratteristiche e dei limiti delle attrezzature individuali e collettive, nonché la capacità di effettuare un disgaggio di un infortunato e provvedere agli interventi di primo soccorso.

GLI AIUTO-ISTRUTTORI

Gli Aiuto Istruttori (AI) sono speleologi, iscritti alla Società Speleologica Italiana, abilitati a svolgere il loro incarico dopo aver superato uno stage di qualificazione; il loro compito è quello dell’assistenza e sorveglianza nei confronti degli allievi nel corso delle esercitazioni in palestra e in grotta, in stretta collaborazione con gli IT. Sono richieste agli AI buona attitudine didattica, completa autosufficienza e solida conoscenza delle tecniche di progressione, dei materiali impiegati, nonché precise nozioni di comportamento in caso di emergenza o di infortunio.

GLI ISTRUTTORI DI SPELEOLOGIA

Gli Istruttori di Speleologia (IS) possono essere soci iscritti alla Società Speleologica Italiana (ma non necessariamente), hanno specifica ed approfondita competenza nella materia oggetto della lezione programmata in un corso e da essi curata.

STATISTICHE

A fini statistici si ricorda che in FVG ci sono 4 Scuole di speleologia riconosciute SSI nella Provincia di Udine (Scuola di Tarcento-ANF, di Udine-CSIF, di Cividale-Forum Julii e delle Valli del Natisone), 2 nella Provincia di Gorizia (di Ronchi-Lindner e Isontina-Fante, Talpe e Seppenhofer) , 4 nella Provincia di Trieste (GSSG-Gruppo Speleologico San Giusto, CAT-Club Alpinistico Triestino, GTS-Gruppo Triestino Speleologi, SAS-Società Adriatica di Speleologia) e 1 nella Provincia di Pordenone (Gruppo Speleologico di Sacile). Nella scuola di Ronchi tra gli AI ci sono 6 maschi e 2 femmine, tra gli IT 3 maschi, tra gli IS 1 maschio. L’età degli istruttori di Ronchi va dai 24 anni degli istruttori più giovani, ai 58 di quello più “esperto”. L’età media tra le istruttrici donne è di 56 anni, tra gli istruttori maschi è di 32 anni (dati riferiti al 04-07-2014).