esplorazioni

Esplorazione della grotta del Ninja – alla ricerca di “uscita con griglia”

Alla ricerca di "uscita con griglia"

Per leggere la prima parte: http://www.studicarsici.it/2018/04/21/esplorazione-della-grotta-del-ninja/

Dopo quattro mesi, in attesa che la neve si sciolga, finalmente si torna in Ninja a cercare esternamente l’ingresso alto o meglio, “uscita con griglia”!

Siamo io, Lollo, Enrico, Sara, Loretta e Franco. Mentre affrontiamo l’ultimo pezzo della salita vediamo una figura che ci viene incontro; sembra un viso noto e infatti è Mattia che ci ha fatto bella sorpresa!

Ci divideremo in 3 squadre: una entrerà in grotta, una si apposterà da una parte della sella, in Italia, e la terza dall’altra parte, in Austria.

Ogni squadra è dotata di arva e radioline. La comunicazione non dovrebbe essere un problema visto che per poco non si riesce a mettere la testa fuori dall’uscita. Inoltre abbiamo il punto gps preso l’ultima volta.

Arrivati all’ingresso della grotta mangiamo e poi via, inizia la missione! Ci diamo appuntamento dopo 30 minuti, tempo di risalire la grotta e la sella.

Piano A: ricerca con gps

Piano B: se le coordinate non sono sufficienti, ricerca con Arva

Piano C: se questi potenti mezzi non bastano a farci ricongiungere, per esempio perché l’uscita si trova in parete, ho comprato un selfie stick per filmare l’esterno e per sventolare un pezzo di stoffa fluorescente.

Ma a cosa servono piano A, B e C quando bastano due donne con le lori voci e risate per trovarsi?

Io vado in grotta con Enrico, risaliamo e percorrendo il cunicolo finale sento una voce. Mi fermo, grido “Oh –plop” e rido perché so già che qualcuno mi risponderà. Sara risponde subito! Più facile di così…!

Percorro il cunicolo e mi ritrovo davanti il suo viso; arriva anche Lollo e mi dicono che sbuchiamo qualche metro sopra la ferrata Contin, prima di arrivare sulla sella, siamo in Italia.

Spostano qualche sasso senza grande difficoltà e usciamo. Siamo veramente vicinissimi al sentiero. Missione compiuta!

Siamo anche vicinissimi (2 metri al massimo) ad un’altra cavità già rilevata da Dario e Maurizio quando avevano trovato la grotta del Ninja. Si tratta di un cunicolo orizzontale di circa 30 mt che decido di percorrere. Alla fine del tratto rilevato c’è un passaggio molto molto stretto e non me la sento di provare a superarlo. Non c’è corrente d’aria così torno in superficie dagli altri e decidiamo che ci daremo un’occhiata un’altra volta.

Visto che siamo stati velocissimi decidiamo di andare a rivedere uno dei due pozzi che, dall’ingresso basso, scendono. Arma Lollo e noi altri lo seguiamo. Arriviamo sul fondo e passiamo la strettoia dove l’altra volta ero passata solo io. Soffia tanta aria. Dopo un piccolo meandro c’è una strettoia, al momento impraticabile, e sbirciando oltre si vede che la grotta si allarga nuovamente. Per oggi non possiamo far altro che uscire e programmare la prossima esplorazione!

Erica

 

guarda il rilievo 3d http://www.studicarsici.it/2018/04/18/rilievo-del-ninja-in-3d/